in un bianco assolo d’inchiostro

trovo nei motivi di questo tempo
un freddo che sa di sponde
e mi chiedo cosa sarebbe
se dell’eternità
a svelarsi fosse solo un’ipotesi

così cerco la vita
in un bianco assolo d’inchiostro,
con quell’apprendistato di solchi
che non ha confine

ma le parole si rivelano crepe
sembianze e distanze
in un volo disordinato
che riduce le finestre ai gabbiani

dove qualunque impronta
ha solo fretta di vivere
e nell’incapace atto dell’alba
appronta conseguenze

allora il graffio dei muri
tesse incrinature e passi
mentre rade le mete cadono
non avendo capacità d’altezza

-a ogni ego l’eco è senza bagliore,
realtà dolceamara in morte di un attimo-

Annunci

11 pensieri su “in un bianco assolo d’inchiostro

  1. Quelle crepe di parole che riducono le finestre ai gabbiani… mi hai fatto venire i brividi in questo passaggio.
    Rosario, ho letto per alcuni giorni questa tua, lasciandomi portare via ogni volta. Mistral ha ragione, non è facile commentare dove la poesia è sublime.
    Una delle cose che mi sembra animare ogni tuo scritto è quel sapore di vissuto e di universale che riversi in poesia.
    Semplicemente magnifico!
    Grazie.
    Brigida.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...