a te che hai lasciato un segno di carta
e qualche rossetto in bella vista
vorrei offrire un altro biglietto per il mondo,
magari solo l’effetto del vento

o forse un abbraccio verde di giardino
che si muove distratto
di penombra in penombra
parlando dei tuoi anni

stretto a quegli occhi
mi perdo in manciate di passi
e rimando al senso della sera
il tuo volto di luna

perché eri collina e maestrale
finalmente cerchio alle mie linee solitarie :
un sospiro d’inchiostro
per quest’assolata poesia

a dire di parole cedo al mio cuore,
stringendo d’assenza
note di fisarmonica

Annunci