in un fermo di salita e assenza

in quel giorno troppo fragile
fu un alito di volto
a ridurre il momento del mare

tanto pallido e dolce tra i miei occhi
per provare un solo abbraccio
e distante quanto un addio

sicura cercasti il passo dell’onda
come a dire non pensarci :
c’è un forse al di là del vetro

(ma nessun indizio di marea
nemmeno un cenno di risacca
che mi sia ragione)

ricordo un mondo in uscita
afferrare i nostri anni
e farne velo, costringere il tempo
in un ballo di-viso

ora a non sapere d’amore
m’inerpico del tuo odore
allungando il mio sogno
sui tuoi capelli di maggio

e m’invento una nuova eco
come fosse voce
per queste strade che mi accecano
in un fermo di salita e assenza

-in un biglietto per dirsi chissà
il senso del nostro profumo-

 

 

Annunci

10 pensieri su “in un fermo di salita e assenza

  1. Sul filo dei ricordi senza il velo della nostalgia si torna indietro nel tempo, quando gli amori erano veri. Musicale, dall’incedere lento ma deciso è una bella poesia.
    Felice pomeriggio

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...