il silenzio fu voce e destinazione

misurammo giorni
intorno ai nostri sogni
allungati di campi e palloni
non sentivamo che sorrisi :

con le fronde a sud
e i rami stesi al bisogno d’altezza
immaginare un nuovo debutto
sembrava un gioco di biglie

poi vennero i binari
e chiedemmo ragione al tempo
per il cambio di barricata

ma il silenzio fu voce e destinazione
parabole e volti
come dissolvenze d’uccelli

e noi sapemmo della pioggia

Annunci

11 pensieri su “il silenzio fu voce e destinazione

  1. Tra i sogni e le speranza della gioventù in mezzo ci sta la delusione dell’età adulta che ripiega sulla frustrazione e l’impossibiltà di raggiungere l’obiettivo.
    Veramente notevole. Complimenti.

    Mi piace

  2. le tue parole evocano in me la parabola della vita.
    i sogni di bambino, dove non c’erano strade e ogni direzione era buona, per ridere

    poi con l’età adulta si sale su quel treno che porta tutti verso le stesse situazioni … e ridere diventa difficile

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...