in qualche parte di mondo il silenzio
ama resti e strade
come le donne le ombre sui veli

quasi fossero scelta
le mani di legno a decidere la resa,
l’ennesima sconfitta

macerie e fiori dentro il cuore
salite e fosse per restare
qualche piccola bomba al mercato
per essere cancrena e fragore

addosso giubbotti di pochi anni
il colore in preghiera
e qualche secondo per vedere :

nessuna voce varrà la fine
né il tempo potrà dirmi sposa

-se vivere sarà spina
vorrei un attimo per questo corpo,
un po’ di me per non decidere

***in memoria, per l’ennesima strage avvenuta in Nigeria, dove le bombe sono inconsapevoli bambine, vittime anch’esse di questo mondo colpevole e vigliacco.

Annunci