nessuna voce varrà la fine

in qualche parte di mondo il silenzio
ama resti e strade
come le donne le ombre sui veli

quasi fossero scelta
le mani di legno a decidere la resa,
l’ennesima sconfitta

macerie e fiori dentro il cuore
salite e fosse per restare
qualche piccola bomba al mercato
per essere cancrena e fragore

addosso giubbotti di pochi anni
il colore in preghiera
e qualche secondo per vedere :

nessuna voce varrà la fine
né il tempo potrà dirmi sposa

-se vivere sarà spina
vorrei un attimo per questo corpo,
un po’ di me per non decidere

***in memoria, per l’ennesima strage avvenuta in Nigeria, dove le bombe sono inconsapevoli bambine, vittime anch’esse di questo mondo colpevole e vigliacco.

Annunci

19 pensieri su “nessuna voce varrà la fine

      1. eh si bisognerebbe urlarlo forte il nostro no di fronte a queste tragedie, chissà se un giorno riusciremo a farci sentire. Ciao

        Mi piace

  1. Quando anche il tempo dell’ innocenza è finito, non ci rimane più niente
    Grazie Sarino
    Buona domenica 🙂
    Eloi Cielo

    Mi piace

  2. tragedie che si sommano a tragedie, sembra non avere fine nel mondo la voglia di fare guerre. eppure basterebbe così poco per rimanere in pace e godersi la propria vita!!

    Bella questa tua riflessione poetica, come sempre profonda e sentita.

    Mi piace

  3. Quelle mani di legno… quelle sposebambine che chiudono nelle loro carni un’innocenza di sole che viene oscurato dalla barbarie…
    Sempre di profondità infinite,, echi di parole e sensi che si fondono e confondono, indignano i cultori dell’incapacità all’abitudine. Fuoco, questo sono capaci di essere le tue parole.
    Molto bella, nella tragicità dell’argomento espresso.
    Un caro abbraccio.
    brigi

    Mi piace

    1. carissima Brigida che piacere “rivederti”, spero tu possa essere più presente : così vorrà dire che il peggio è passato (almeno spero e te lo auguro).
      La poesia nasce dalla rabbia e dalla sofferenza per l’ultima barbarie accaduta in Nigeria, un dolore che non si può spiegare per l’immane tragedia che quelle povere bambine sono state costrette a provocare : una condanna la loro che non trova alcuna giustificazione.
      Le mie parole sono ben poca cosa, è stato un modo per “condividere” questo ennesimo strazio. Un abbraccio

      Liked by 1 persona

      1. p.s. qualcuno una volta mi disse che era inutile, se non allo scopo di attrarre condivisioni e commenti, rievocare in poesia simili tragedie : tanto ne era piena la tv, i giornali, internet. A che scopo “riviverle”, che utilità poteva avere riaccendere la luce su di esse. Tra l’altro aggiunse che per averne coscienza e concezione -e quindi scriverne- fosse necessario averle vissute. Come se già l’accadimento stesso della morte non bastasse a provocare una sorta di rigetto (sebbene “poetico”) ma avesse bisogno di essere certificata dalla “presenza” per essere raccontata e/o denunciata.
        In proposito ho una mia idea assolutamente dissimile da tutto ciò, mi piacerebbe che tu e chi desidera farlo lasciasse una propria riflessione in merito. Ciao

        Anzi sai che faccio pubblico un post a parte, magari dalla discussione che ne nascerà si potranno avere spunti e riflessioni utili per questo nostro “impegno di scrittori”.

        Liked by 1 persona

        1. Mi dispiace moltissimo Brigida.
          Non ci sono parole per attenuare un simile dolore, ma so cosa significa! Ti sono vicino.
          Ci vuole tanta forza per convivere con la perdita di una persona cara, spero tu possa averne abbastanza. Un abbraccio commosso

          Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...