quando in distanze di volti
mancarono gli anni dei vecchi
furono lacrime i contorni dei marciapiedi

e i passi durarono alle ombre
come assenze di foglie

al vento degli altri
nemmeno una voce
ma panchine per seguire silenzi

eppure sarebbe bastato il sorriso
per dettare una stagione
invece il volo riempì di pioggia
le traiettorie

poi in abitudine al tempo
gli uccelli si fermarono a nutrire sogni

22 ottobre 2015

***da un giro al parco : la vita delle panchine in solitudine e quella di un vecchio signore che parlava di colombi e molliche di pane. Tutt’intorno il mondo di sempre, di corsa e senza occhi. Una ragazza e il cellulare da amare, due carrozzine che inseguivano il loro tempo, la fermata dell’autobus carica di storie, un gruppo di ragazzi in tenuta da calcio. Ma addosso a tutti l’indifferenza degli altri, soprattutto per le parole e gli occhi del vecchio.

Annunci