in distanze di volti

quando in distanze di volti
mancarono gli anni dei vecchi
furono lacrime i contorni dei marciapiedi

e i passi durarono alle ombre
come assenze di foglie

al vento degli altri
nemmeno una voce
ma panchine per seguire silenzi

eppure sarebbe bastato il sorriso
per dettare una stagione
invece il volo riempì di pioggia
le traiettorie

poi in abitudine al tempo
gli uccelli si fermarono a nutrire sogni

22 ottobre 2015

***da un giro al parco : la vita delle panchine in solitudine e quella di un vecchio signore che parlava di colombi e molliche di pane. Tutt’intorno il mondo di sempre, di corsa e senza occhi. Una ragazza e il cellulare da amare, due carrozzine che inseguivano il loro tempo, la fermata dell’autobus carica di storie, un gruppo di ragazzi in tenuta da calcio. Ma addosso a tutti l’indifferenza degli altri, soprattutto per le parole e gli occhi del vecchio.

Annunci

6 pensieri su “in distanze di volti

  1. bello questo incontro di vita, mi hai fatto ricordare poche righe che ho scritto un giorno, dopo aver fatto un giro a porto garibaldi, magari le pubb su barche con le foto scattate quel giorno, sarà una dedica per te e per condividere queste tue belle righe, ciao:) e grazie

    Mi piace

  2. bellissima l’idea di inserire la scena che ti ha ispirato le sempre coinvolgenti parole che compongono le tue poesie

    grazie mille per queste occhiate sensibili sul mondo

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...