Il tempo tra le mani

fuggono le mani nelle ore tentate
ai mozziconi di un bar

mani rimaste indietro, perdute
al fumo di serate alcoliche,
alle scadenze di periferia

fuggono le parole sfoderate
agglomerando voci
dove l’ignoto era traccia da fiuto

parole vendute alla notte
per un passaggio di ponti
infilando giornali e stelle

ora coperte d’asfalto
si mescolano alla bava dei cancelli :
solo un’ombra di carta
ferma le soste di metrò clochard

/come telo di farsa
il tempo rimane tra le mani,
nelle particelle di liquido perso
alle panchine

Ai tanti che hanno perso la luce tra i fogli di carta delle metropolitane, a quelli che si confondono tra binari e sottopassi o su panchine d’elemosina allestite a solitudine e piscio.

Annunci

7 pensieri su “Il tempo tra le mani

    1. grazie Italo : l’ignoto è una traccia che si percepisce solo col fiuto o con la puzza della condizione e quei mozziconi sono i rimasugli di quella vita purtroppo ai margini.

      Mi piace

  1. un popolo sempre più vasto di disperati che davvero non hanno nulla, e che passano inosservati gli occhi del mondo. Ottima riflessione poetica su questa triste realtà dei nostri giorni.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...