la città in conclusione di strade
ricorda spesso obiettivi irraggiungibili
come il vantaggio di certi gradini
prima della salita

ed è facile sentirsi soli con un po’ d’abitudine
quando le insegne dei marciapiedi
tifano per un altro bicchiere

del resto il bar numera scarti e bottiglie
e non teme eccessive fermate
tanto domani sarà ancora soluzione

e non sarà la sosta del bancone
a disporre del movimento
ma il fumo al neon col suo viaggio

che poi a raccontare storie basta la voglia
in fondo vedere
è sempre stato un gioco per gli occhi

le mani di vetro invece s’imbattono
sempre in un altro giro
e di solito i confini si misurano con l’alcol

intanto fuori il buio non ha altri impegni
a disfarsi dei volti sarà una porta
e un paio d’inneschi per chissà quale appuntamento

/ai tavoli alcune promesse di birra
raccontano di vecchi fantasmi
e di quella volta che Ester sorrise

Annunci