Stasera il mare è puntuale, il profumo
della bora rimane a distanze d’auto.

Alcuni passi dopo cena,
qualche parola per non essere solo,
dintorni adeguati alla piazza.

Gimkane e inversioni
sono ormai avanzi di fiera,
gli occhi intorno alle prove del vigile
mentono sul divieto di sosta.

Più in là un sorpasso di strisce
sembra accettare la fretta del clacson.
Piero invece ha un po’ d’impronte
per bestemmiare.

A distrarre gli autobus l’odore della notte
e frammenti di città. Manifesti e un po’ di spazio.

Piove.

E io ho solo sapore di pioggia.

Annunci