a distanza

Mila ha un corpo di sola andata,
ali che sanno di metallo,
il rossetto in un bacio di strega.
Stringe numeri per sentirsi stella,
come un barbone a distanza
dentro l’alba di un brutto colore.

A qualche metro di solitudine
la notte dei taxi, un destino di terra
spesso al passo con la luna.

Piero è una strada di plastica,
una lenta agonia di lampioni
in chiacchiere al mondo.
Vicino qualche bar da sedere,
poche mani in suffragio
spigoli in attesa di un cappello.

Confini e marciapiedi si spogliano,
solo un quaderno di pietra
tende labbra e fiori.

Il buio si avvicina e una goccia sosta, bagnando.

Annunci

9 pensieri su “a distanza

  1. “Soltanto i più forti fanno i conti con la solitudine, gli altri la riempiono con chiunque”.
    Vjollca Lika

    Ritratti efficaci di vita, se non disperata, direi rassegnata.
    Ma quella goccia è come una lacrima che si perde nell’ndifferenza del mondo.

    Ciao Sarino, buona settimana.

    Liked by 1 persona

    1. già, quella solitudine che troppe volte non è scelta ma imposizione. Obblighi di un mondo deviato che non si cura più dei propri figli.
      Ciao, buona settimana a te

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...