Il rumore continua sotto traccia

Capita che l’avventura sia a misura di occhi
ma è la mancanza dei tetti la colpa dell’alba.
Intorno un’altra conquista di marciapiedi
definisce la lenta passeggiata del cane.

Mentre la pioggia, incolume, motiva il suo verso in caduta
e come una storia antica di alberi permane.
Intanto parole in doppiopetto
dormono ai bar.

In lunghezza di stazione il perimetro
è un circuito ossidato :
vie di corsa, parcheggi impegnati, cognomi appesi
lungo un percorso di finestre.

E poi lei.
In sembianza d’acqua,
rimbalzo di molo e vincita di pescatore.
Parla spesso col mare,
ma non sa che ingaggiare altezze coi gabbiani
è perdere l’orizzonte.

Se il volo si limitasse a dettare schiuma
non sarebbe salto la riva. A misura di promessa
esiste solo il silenzio.

Il rumore continua sotto traccia, quasi sempre affollato.

Annunci

15 pensieri su “Il rumore continua sotto traccia

  1. Ahi Sarino, non riesco a commentare, potrei dirti : “che bella” ma sarei ipocrita e non mi va.
    Il fatto è che , pur avendola letta e riletta, faccio fatica a capirne il significato.
    So perfettamente come non sia essenziale interpretare una poesia, ma siamo qui per confrontarci.
    Vero?
    Non volermene.
    Un abbraccio,

    Liked by 1 persona

    1. tranquilla Laura, in questo caso la nostra empatia non è scoccata 🙂
      ma sono d’accordo sul confronto, che è e deve essere alla base di un buon rapporto “blogghistico”
      Questa poesia è una riflessione sulla solitudine e il silenzio di una qualunque mattina in città tra pioggia e alberi.
      Una passeggiata di occhi che attraverso la corsa delle persone, parcheggi selvaggi, i bar pieni di parole stantie, termina in quella visione di mare che fa da sfondo e quadro. E poi la giovane donna che probabilmente ha in quel mare l’unica compagnia e riparo; dal sogno/visione che trapelava dai suoi occhi mi sembrava che ne cercasse il contatto : sentirsi sirena o gabbiano! Come un salto oltre la realtà o almeno un volo. Non come la schiuma delle onde che ha giusto il tempo per apparire.
      E in tutto questo la percezione di evanescenza e di vacuità mi ha lasciato l’amaro in bocca e questi pochi versi.
      Spero di essere riuscito a esemplificare quanto ho scritto, conscio che a volte un po’ di ermetismo mi assale 😉 )
      ciao

      Liked by 1 persona

      1. Bene, sono davvero contenta sia che tu non sia deluso del mio ” non commento”, sia per la spiegazione che ora mi fa assaporare questi versi con consapevolezza
        In effetti sono sempre stata in sintonia con il tuo poetare e mi piace interpretare il tuo ermetismo, le tue metafore, ma forse , questa volta, non ho auto la mente sgombra dai miei pensieri un po’ attorcigliati.
        Grazie mille e ……………ci risentiamo.alla prossima poesia ” a misura di sensibilità” che tu possiedi in abbondanza.

        Buon fine settimana

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...