Andammo via dagli occhi
per sentirci alberi
e ci vestimmo al mattino come gli uccelli.
Le strade arrivarono subito dopo,
nessun dubbio di marcia,
il sole spento dei baci.

In biglietti e stazioni le traiettorie,
così il mestiere del viaggio
che scelse un finestrino come ultimo
approccio di meta.

Ed ebbe lontananza il respiro del treno,
deciso di passi a muovere valigie.
Le parole vennero in pianto
insieme alle donne tra i capelli :
due occhi che a dire dolore
bastò un gioco di palpebre.

Poi i saluti proseguirono per parcheggi
con le mani bianche di madre
a stringere seta.

 

Annunci