l’odore del vento a sud

lì, dove le radici di vecchie donne
si raccontavano sui mattoni,
l’aria delle case si fermava addosso ai balconi,
all’odore forte del pane
col suo ingresso a sud di Barbara

mentre alla distanza di una voce
il ci si sente dei bar,
spesso con l’aria distratta dei lampioni,
passeggiava in alcune ombre di tempo

intorno alle strade
esisteva un solo appuntamento,
quella puntata a mare
che avrebbe raccontato il sale
come la tela di un dio in versione maggiore

lì, dove il vicolo si ergeva in punta,
così veloce nel trasformarsi estate
che ci avremmo scommesso tutti i passi,
il ritorno, come l’onda,
capitava sempre a cadenza di paese

con le panchine a perdersi di ragazzini,
la sera nella discreta misura degli alberi
e più in là, nascoste come un sorridere
attraente, le piccole gonne

che si compiacevano agli occhi
quanto l’impaziente vento di un bacio

Annunci

10 pensieri su “l’odore del vento a sud

    1. sai quanto mi piacciono questi viaggi nel tempo 🙂
      sono transfert che mi legano a quegli anni fatti di serenità e spensieratezza di cui a volte sento la mancanza.
      Ciao e grazie

      Liked by 1 persona

  1. Le tue poesie sono spesso un viaggio a ritroso, forse anche un viaggio a Sud di Barbara ( magari questo nome sta per una ragazza o per diverse ragazze, non importa).
    Tutto, anche le assenze, fa parte di quel viaggio, dove immancabilmente vanno a finire tutti i ricordi, i desideri, i sogni di un ragazzo; dove vengono conservaten le cose buone della vita e dove invece non trovano spazio le brutte esperienze, anche se superate.
    Bravissimo, come al solito, ma che te lo dico a fare)? 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Barbara -Varvaruzza in dialetto- era una vecchia signora proprietaria di un forno dove oltre a fare il pane (col lievito madre che girava di famiglia in famiglia, che tradizione voleva vecchio di anni, per quell’abitudine di farsi il pane in casa, anche se non sempre) preparava, di solito il venerdì, una pizza che non ti dico quanto fosse buona.
      Il resto è venuto da solo con quell’odore di sud e d vento che ancora oggi mi scompiglia non solo i capelli, ma soprattutto il cuore.
      Un caro abbraccio carissima

      Liked by 1 persona

  2. hai raccontato attraverso i tuoi versi le tante sfumature della vita di paese, fatta di emozioni, ricordi, alibi di vento che sfumano in punta di piedi fra apostrofi di forme.
    Sempre bellissimo leggerti, bravissimo!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...