Dicono che la vita sia abitare un sogno.
Un’abitudine talmente rara e perfetta
che dimostrarsi canto
varrebbe la misura degli alberi.

Ma stasera il silenzio è una dedica di foglie,
un viale capitato a caso.

-figlio di qualche lampione
o di un perimetro qualunque
il tempo prova ancora la sua danza-

Il tabacchino è gelido di giornali,
Marisa coniuga verbi per essere fiore.
Gli autobus acquistano metri
e qualche luce si dispone alla pioggia.

Solo la voce resiste.
In un getto d’inchiostro,
nel movimento disceso degli uccelli,
con le impronte di ali stanche
al ritmo di fisarmonica.

All’alba sceglierò d’inventarmi aria,
magari con un’altra partitura di finestra.

Annunci