Le ombre pesano sui passi

La gente arriva a caso,
senza un corpo che le restituisca forma.

Arriva di frequente in questo dire malconcio,
come il più piccolo dei fiori
quando il vento viene
e senza nessuna scelta piega.

Come l’aria che ferisce il suo volto splendente,
intorno all’alba non ancora nata
che si accosta al difettoso
mestiere del giorno.

Se le facce fossero dei grandi occhi sorpresi
tutto, tranne i grattacieli,
sarebbe una tenera possibilità di alberi.

Acqua in ogni verità di piano,
vezzo di campi
in tutta la padronanza del grano.

Invece nessuna voce si alza,
solo quella delle strade resiste.
In un’altra vaga preghiera di lampioni.

Le ombre pesano sui passi come d’inverno.

Annunci

10 pensieri su “Le ombre pesano sui passi

    1. già nulla arriva a caso, ma a volte ci fermiamo nell’ombra avendo paura di arrivare! Paradigma di comportamenti indifferenti e dimensioni a distanza. Luoghi in cui la vita non ha possibilità di entrare, come fosse il gesto antipatico di un dio maldestro. Sarà la paura della sfida, del vuoto incontrastato della realtà o di quell’anoressica promessa della strada, sarà tutto ciò o anche niente ma i passi arrivano pesanti quando anche la cornice che li ha descritti è una rara eternità, evanescente ed eterea come una caduta di foglie.
      Ciao

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...