un frastornato equilibrio di appunti lenti

Il mondo, si sa, gira da solo,
lacrime e annunci sul giornale
sono abitudini fatte di rughe,
forme di passi per strade che non hanno uso,
che assomigliano alla voce non detta,
a quel cielo di caligine da spingere.

Lì, dove tutto è vetro
e la strada un sole dai fianchi piccoli,
qualche banale comparsa di vento
si annuncia con l’andatura spenta
di un cliente apparso da poco.

Fuori la grigia adrenalina del traffico
ha i limiti del difetto.
Una misura imperfetta di luna
che segna le ore sui cappotti marci.

Indifferenti gli autobus continuano a cadere,
solo la mostra insensata delle insegne
corre sul muro appena imbrattato.

Rimane il viale consumato a lampioni,
un frastornato equilibrio di appunti lenti
che si confessa al peso delle pagine.

Teresa intanto rammenda impronte marginali.

Annunci

12 pensieri su “un frastornato equilibrio di appunti lenti

  1. La tua originalità mi sorprende sempre.
    Anche ne dolore e nell’angoscia che ti attanaglia, le parole, i versi, fluiscono in forma particolare.
    La canzone scandisce il momento che stai attraversando .
    Come sempre, cerchiamo di sorridere al futuro e facciamo sì che le nostre impronte non siano marginali.
    Come dice Sherazade : teniamoci stretti.

    Mi piace

    1. teniamoci stretti non solo tra di noi ma anche quello che oltre a noi esiste, quasi etereo : amicizia, sincerità, rispetto, amore!
      Grazie Laura, un abbraccio

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...