Un passo rimasto che spesso accade

Mi dissero della voce
e di quelle arrampicate di grattacielo,
dove il silenzio
vanta ancora la sua pena per un suono.

Di come un sussurro
s’intrattiene nel breve episodio dei volti
e che ancora esiste al di là del marciapiede.
Dove una sparuta increspatura di gente avanza,
precisa e instabile quanto la paura di passare.

Nell’attimo esatto di un fiore che avvizzisce,
mentre si dirada terminando il suo passo.
Un passo rimasto, intimamente mancato,
e che spesso accade.

Ho gli occhi intorno in questo cielo,
un’opaca vetrina che ama il grigio dei soffitti,
e mi sento un accostamento di realtà
luna e intervallo di panchine.

Perché non è definirsi strada
l’agitazione di un semplice stare:
a misura d’uomo ci si abitua spesso alle incursioni,
sempre ordinate, dell’abitudine.

Un’abitudine che prosegue lenta,
come un’amara permanenza di freddo.
E con tutto il mestiere che manca al rumore.

Annunci

10 pensieri su “Un passo rimasto che spesso accade

  1. Certe abitudini sono deleterie, io le interpreto come la mancanza di coraggio in un cambiamento.
    “Un semplice stare” è come una forma di pigrizia e intanto il tempo non si trattiene, la vita è come un compito da fare ma mai rimandare a un dopo. Il dopo è il nemico del cambiamento ed è alleato dell’abitudine.
    Non bìsogna lasciare niente per il dopo, perché nell’attesa si possono perdere i momenti migliori, le migliori esperienze, i migliori amici, i migliori amori.
    Buona serata.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...