Underground

La città è un’ombra, imitazioni, barriere
spettri e corse d’alberi sulla strada
(incompresa, sfuggita, indefinita).
E solchi, e ruote, muri di cera
e confini usati, graffiti senza spine
direzioni senza fiato.

(dov’è il cielo
se non esiste impronta
di marciapiede)

E pensieri avvistati nella metro,
onde sciupate d’acqua in cammino,
e cappelli affamati sui corpi aggrovigliati
e voli dissolti al buio.

Quante orme d’aria nei sottoscala,
nei sobborghi dei volti e linee invase
di silenzio. Silenzio d’orologi,
di vento numerato a biglietti,
nel finestrino di una rapida puntata.

Chi sono. Nel cemento degli occhi
immagini rimandate, fredda
impotenza di un attimo qualunque.

Chissà se l’alba!

Annunci

17 pensieri su “Underground

  1. Un itinerario di strade tristi e indifferenti accompagna i tuoi versi.
    Una visione desolata, un’esperienza di disagio specialmente per te che, forse, hai memoria de ” Lo steddazzu”.
    Un abbraccio.

    Mi piace

    1. e come non ho memoria dello steddazzu, composto in Calabria, non può non essere in linea col mio pensiero! L’indifferenza è un qualcosa che fa paura, troppo fredda e distante si sta ormai accaparrando ogni situazione! Dovremmo pensarci a fondo e lavorare perchè in qualche modo torni la solidarietà, il sorriso, la comunità. Ciao

      Liked by 1 persona

  2. E… torcia Ti fai…
    per diradare il buio…
    Nuovo lampo
    agli occhi infondi
    per arginare
    l’indifferenza
    che si diffonde
    e finta vita vive.

    Ciao Poeta,
    è sempre un piacere leggerti, iago.

    Mi piace

  3. Bella la scelta della canzone e la descrizione che fai della città. Soprattutto quando vado in metro, mi interrogo tanto sulle storie degli sconosciuti che incontro e rimango con la mia curiosità insoddisfatta.

    Mi piace

    1. è un mondo “sotto” che non ha luce, un qualcosa di indefinito che si anima al chiarore rarefatto dei neon, un vissuto, uno spaccato di_verso, quasi etereo, troppo spesso indefinito e indefinibile racchiude il suo mistero nei tanti vuoti d’indifferenza che produce. Ciao
      p.s. è una riflessione fatta qualche tempo fa nelle metropolitane di Londra!

      Liked by 3 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...