ma fosse anche un graffio il cammino

Non mi resta che l’età
insistente quanto la pioggia,
alcune parole in versi
e quattro mani di bottiglia.

-è come una crepa
localizzata in qualche sorso di fumo-

Anche il senso della notte
(che riassume questo corpo)
non fa che ostinarsi
di fronte alla lenta predica del giorno.

-sul tavolo del mondo la luce
ha scintille d’ombra-

Il respiro possiede un volto d’acqua,
all’impronta la vita offre soltanto un passaggio
che muta all’ennesimo canto.

Ma fosse anche un graffio il cammino
del mio campo asciugherò la fronte
e l’aratro sarà corsa di tempo.

Continuando anche a morire.

Annunci

22 pensieri su “ma fosse anche un graffio il cammino

  1. …scusa ma vogliamo parlare del video musicale postato in aggiunta? Tu vuoi proprio farmi sognare attraverso immagini e musica un mondo ideale…credo che potremo viverlo solo nell’aldilà, qui no di certo amico mio. Un bacio e grazie per tutto. Ho visto che il tuo blog è qualcosa di eccezionale. Dimmi, come fai a curarlo così bene? Ti abbraccio forte. Isabella

    Mi piace

    1. beh, come ben sai ogni mia “opera” è sempre accompagnata da un brano musicale che in qualche modo arricchisce le mie parole. Per quanto riguarda il blog credo che la passione sia il motore di tutto, senza di essa nessuna cosa potrà dirsi veramente piena! Ecco io ci metto tanta passione! Ciao cara amica

      Mi piace

      1. Si lo so che la musica è parte di te. E le tue scelte raccontano bene dei tuoi gusti. Per il resto senza passioni non c’è vita vera. Ho scritto da poco una poesia a riguardo. La pubblicherò e spero che la leggerai. Per ora rinnovo il mio abbraccio aggiungendo anche la mia stima per un uomo davvero in gamba. Isabella

        Mi piace

  2. Straordinari versi mio caro Sarino dove la chiusa vale tutta la poesia. Bravissimo. Le metafore di cui trabocca in generale la tua poesia, sono sempre interessanti angolazioni d’un interpretare la vita che avanza inesorabile. Davvero una lettura che è risultata emozionante fino all’ultimo verso. Mi ripeterò ma dico bravo, bravo amico mio. Isabella

    Liked by 1 persona

  3. Questa poesia, forse più delle altre, inverte il canone corrente della retorica, cambia gioco, , dove il nuovo si produce per associazioni apparentemente assurde o in conflitto tra loro, producendo un nuovo tipo di comunicazione.
    Il testo,infatti , si esprime con un linguaggio dove simboli, allegorie, metafore distinguono una precisa poetica. Anche se, affettuosamente, ti dico che non è molto facile interpretare alla prima lettura.
    Comunque sempre bravo.
    Saluti .

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...