IL DIXIELAND

Con il termine Dixieland viene definito il particolare modo di suonare lo stile New Orleans jazz da parte dei “bianchi”. Alcuni ritengono che il termine “dixie” venga dal francese “dix” (dieci) utilizzato in Louisiana per riferirsi al biglietto da dieci dollari.

Risultati immagini per DIXIELAND
Il genere Dixieland nasce poco tempo dopo il genere “New Orleans” e costituisce il primo anello di una catena che porterà i musicisti bianchi ad “impadronirsi” costantemente dei linguaggi musicali degli strumentisti Afro americani.
La storia del jazz è caratterizzata dalla continua evoluzione del linguaggio musicale afro-americano nel tentativo di gridare al mondo la propria dignità umana, ed una successiva appropriazione (indebita?) da parte dei musicisti bianchi del linguaggio nero con vantaggi economici notevoli derivati dall’ancora esistente apartheid.

Risultati immagini per DIXIELAND
Musicalmente parlando, il genere Dixieland si differenzia dal contemporaneo “New Orleans” solamente per la superiore “cultura” generale e musicale dei musicisti bianchi rispetto ai neri; una maggiore padronanza tecnica degli strumenti dovuta a studi classici e non da autodidatti; di conseguenza nelle parti scritte e nei giri armonici si ritrovano elementi un po’ più colti rispetto al parallelo genere nero. Le formazioni e le esecuzioni comunque si differenziano solamente per uno swing più naturale presente nel genere “New Orleans” rispetto al “Dixieland”.

Risultati immagini per DIXIELAND
Gli strumenti dello stile New Orleans e dello stile Dixieland sono in gran parte quelli delle bande o marching band dell’epoca. La sezione fiati è formata da una o due trombe o cornette, un trombone ed un clarinetto. La sezione ritmica comprende: uno strumento grave (basso tuba, sousafono, sax basso o contrabbasso), uno strumento armonico (chitarra o banjo) ed uno strumento ritmico/percussivo (batteria, spesso il solo tamburo rullante portato a tracolla quando si suona in movimento). La sezione ritmica ha il compito di accompagnare la sezione melodica con il ritmo costante della batteria, con i poderosi bassi del tuba/sax basso/contrabbasso e con gli accordi del banjo o della chitarra. La sezione melodica, invece, svolge un intreccio polifonico più complesso. La tromba (o la cornetta) suona il tema principale, il clarinetto ed il trombone rispondono con una specie di controcanto spesso ironico utilizzando in maniera comica gli effetti più caratteristici di ciascuno strumento. I trombonisti usano spesso i tipici glissati, blue notes ed effetti ritmici, mentre i clarinettisti suonano trilli, scale veloci e suoni growl (suoni rauchi), che si ottengono soffiando e cantando contemporaneamente dentro allo strumento. Lo stile Dixieland può essere considerato un primo periodo iniziale del jazz.

*Da http://www.wikipedia.it e altre fonti sul web

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

La misura delle cose "frammenti sparsi di libri scelti"

Le avventure accadono a chi le sa raccontare

angolo del pensiero sparso

voli pindarici sulla caleidoscopica umanità

Tramedipensieri

Lo scritto non arrossisce.

Un Dente di Leone

La quinta età: un soffio di vento sul dente di leone

orearovescio

scrivere è entrare nelle ore a rovescio

Erospea

spaginazioni poetiche

Riverbero di parole

Pensieri, poesia e recensioni.

amina narimi

..con la fragilità che io immagino degli angeli quando spostano tra i fiori un buio d'aria

ROSSOPEPERONCINO

La cucina calabrese nel mondo.

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

Le Pastel Bleu

l'atelier de Margot

Elisa Falciori

attimi imperfetti

Etiliyle

La poesia in una fotografia...

La dimora del tempo sospeso

Non potendo cantare il mondo che lo escluse, Reb Stein cominciò a leggerlo nel canto.

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

La Lettrice Assorta

"Non ci sono libri morali o immorali. Ci sono libri scritti bene e scritti male" (Oscar Wilde)

scatti quotidiani

Emozioni e fotografie per allargare gli orizzonti emotivi e vivere meglio.

Libero Emisfero

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

DI TUTTO UN PO' ....UN PO' DI TUTTO

vivi......semplicemente......vivi

Sorridi, sii grato e AMA!

"L'unica cosa che ti rende infelice sono i tuoi pensieri. Cambiali!"

{Judith Laughs Loudest}

[Pensieri (tra parentesi)]

Atti effimeri di comunicazione

Collage poetici, foto in giro, oggetti sommersi e pensieri di Sara Provasi.

VADE RETRO SEITAN!

A chi tocca nun se ngrugna.

Pulsartist

ritmi d'arte di A. Leda

SempreAdelantando

Sempreadelantando

Alchimie

Bramo l'arte e la storia. La bellezza miro.

FRANZ

un navigatore cortese

Il Salotto Irriverente

Libri, storie e chiacchiere

poesia&cultura

Se fossi veramente dentro l'anima mia, allora si che udir potrei, nel mio silenzio il mare calmo della sera. (cit.)

Inchiostronerodenso

Nel cuore delle veglie della luna - Joyce

TYT

il lavoro debilita l'uomo e la donna

Sull'amaca blog

Un posto per stare, leggere, ascoltare, guardare, ricordare e forse sognare.

tiZ On the trAin

(perché un pendolare napoletano sa quando parte, ma non sa quando arriva)

LIBRI NELLA MENTE

il vizio di leggere

sovrasenso bisbigliato

"quando ti sono postuma ti ritrai negando il nesso tra suono e pensiero pensato." (Anna62)

I Viali Dell'Anima - Pensieri Indaco

In Una Realtà Invisibile

Blog di Pina Bertoli

Letture, riflessioni sull'arte, sulla musica.

AQueSiTeLoCuento

Sotto i ricci, idee e pasticci.

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Giancarlo Buonofiglio

manipolo paradossi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: