accade che le finestre parlino d’asfalto

accade che il mondo si disfi della sera quando il vuoto è simile al gesto dei cuscini quando in misure e numeri le avventure degli alberi si trascurano in margini e distanze e le uscite dispongono dei volti come abbandono accade che le finestre parlino d’asfalto quando i lampioni tendono l’abitudine alla strada con direzioni … Continua a leggere accade che le finestre parlino d’asfalto

Annunci

se al rumore del vento

se al rumore del vento potessi dare il verso della mia voce potrei crescere come l’anima commosso in distanze e in consuetudini di sere tanto da sentirmi luna sarei mare nel vedere i tuoi occhi come i miei anche lacrima non vissuta per vincere il tempo e gentile sarebbe la notte a nascondere la strada … Continua a leggere se al rumore del vento

in distanze di volti

quando in distanze di volti mancarono gli anni dei vecchi furono lacrime i contorni dei marciapiedi e i passi durarono alle ombre come assenze di foglie al vento degli altri nemmeno una voce ma panchine per seguire silenzi eppure sarebbe bastato il sorriso per dettare una stagione invece il volo riempì di pioggia le traiettorie … Continua a leggere in distanze di volti

ekato kardies (centinaia di cuori)

i bancomat hanno il senso del ridicolo con tutti quei numeri in ordine sparso tra un memorandum e un’intesa la fila invece possiede un verso asimmetrico un’equazione troppo complicata per riuscire a decifrarne la coda : sembrano un gettone di presenza quelle mani in braccio e le tasche vuote se nelle umiliazioni ci fosse un … Continua a leggere ekato kardies (centinaia di cuori)

dentro una vita muta (dedicata)

passeggi con resti di vertigini su questa luna di carta e ti accorgi che le sentenze sono lì : pali e assiomi indesiderati dentro una vita muta e continui con le evidenze di qualche stravagante sintomo a risarcire il tuo moto con l’altezza dei sogni mentre la scena che ti vide nascita giace tra i … Continua a leggere dentro una vita muta (dedicata)