la città in conclusione di strade

la città in conclusione di strade ricorda spesso obiettivi irraggiungibili come il vantaggio di certi gradini prima della salita ed è facile sentirsi soli con un po’ d’abitudine quando le insegne dei marciapiedi tifano per un altro bicchiere del resto il bar numera scarti e bottiglie e non teme eccessive fermate tanto domani sarà ancora … Continua a leggere la città in conclusione di strade

Annunci

come replica per un dono

si deformarono ai vetri le inconsistenze dei volti nel passo a fine strada e furono margini scontati i corpi che aggravarono le scelte della sera impronte in consuetudine e una figura in vetrina a trattenere d’inverno un po’ di sole poi a mimare cappotti venne il freddo e una cena rubata ai tavoli e di … Continua a leggere come replica per un dono

i quadri appuntano notti

al civico 12 è numero anche il muro, un fermo di porta che complica la sera indirizzi e pochi arrivi in distrazione ai rientri capitano e non bastano i jeans stretti di coscia a guadagnare un giorno sotto casa i sogni legano ancora cartelli e forse saranno impronte i quadri invece appuntano notti misurando fermate … Continua a leggere i quadri appuntano notti

si racconta d’estate l’abbraccio del tempo

come la sera ho amato le stelle, le luci del tuo volto col senso delle mani ho visto le ali del tuo tempo stringersi tra i mie anni e farne contorni e speranze ma agli angoli del viaggio il tuo viso mi chiede ancora lacrime con un verso che recita parole a distanza : ricordo … Continua a leggere si racconta d’estate l’abbraccio del tempo

Walter aspetta i giornali

Walter ha le mani di birra insegue la strada con le tasche usate di scontrini non ha rumori per il giorno solo un cane triste e vicoli nelle ombre d’inchiostro la sua è una strada di parole spente, come la notte di un’altra luce aspetta l’uomo dei giornali non sa volare Walter -tanto sono solo … Continua a leggere Walter aspetta i giornali

La valigia di cartone

Dedicata ai miei genitori Nella mia vita ho visto centinaia di binari, srotolate sequenze di un rumore chiamato viaggio che non sempre rappresentava soltanto una strada di ferro : a volte quelle due linee si proponevano come un nuovo gioco, un’avventura per giocolieri inesperti. Tutta la mia famiglia è stato un continuo, logorante, movimento, tanto … Continua a leggere La valigia di cartone