in variazioni di luce seduta

poi quando il giorno si offre al tramonto ti accorgi che il volto è colorato di lampioni di quella quiete intrigante che solo la sera riesce a suscitare e ti fermi a raccontare stelle quando allunga le rughe alle strade o distende il cammino in variazioni di luce seduta e la guardi farsi madre nel … Continua a leggere in variazioni di luce seduta

Annunci

e i passi in condizione di peso

in quest’eternità di porti avrei voluto essere imminenza d’acqua onda in vocazione di scogli magari vento con necessità di movimento ma anche temporale se a piangere non fossero le nuvole a meridione e avrei scomodato i sogni con le promesse del cuscino per qualche capacità d’alba (forse all’abitudine di una sedia avrei preferito rarità e … Continua a leggere e i passi in condizione di peso

in distanze di volti

quando in distanze di volti mancarono gli anni dei vecchi furono lacrime i contorni dei marciapiedi e i passi durarono alle ombre come assenze di foglie al vento degli altri nemmeno una voce ma panchine per seguire silenzi eppure sarebbe bastato il sorriso per dettare una stagione invece il volo riempì di pioggia le traiettorie … Continua a leggere in distanze di volti

questo è il modo del mondo

vedo i corpi giustificati di gente, le fughe dei volti, i marciapiedi degni d’illusione intorno vetrine distinte celebrano il macramè delle signore, mentre più in là i sogni affittano cartoni ambulanze e discese d’alcol coprono di latta i cappotti mentre l’inverno affolla mattoni e sono lì, fermo come l’alba con la direzione dei gabbiani che … Continua a leggere questo è il modo del mondo

il silenzio fu voce e destinazione

misurammo giorni intorno ai nostri sogni allungati di campi e palloni non sentivamo che sorrisi : con le fronde a sud e i rami stesi al bisogno d’altezza immaginare un nuovo debutto sembrava un gioco di biglie poi vennero i binari e chiedemmo ragione al tempo per il cambio di barricata ma il silenzio fu … Continua a leggere il silenzio fu voce e destinazione

ora che gli occhi trasportano gocce

sono quello che sono e vesto i miei anni di giorni che afferro al tempo ho solo sogni, quattro lire di vento lungo la strada di fronte ho in mente i ricordi gli attimi presi nei vicoli c’è la Chiesa Madre vicino alla fontana l‘arco che disegna la storia e scorro insieme alle pietre tra … Continua a leggere ora che gli occhi trasportano gocce

dentro una vita muta (dedicata)

passeggi con resti di vertigini su questa luna di carta e ti accorgi che le sentenze sono lì : pali e assiomi indesiderati dentro una vita muta e continui con le evidenze di qualche stravagante sintomo a risarcire il tuo moto con l’altezza dei sogni mentre la scena che ti vide nascita giace tra i … Continua a leggere dentro una vita muta (dedicata)

perché farai di me poesia

siedi ancora tra i miei anni accogliendo il mio canto concedimi il colore dei figli alla maniera dei momenti stringimi nei tuoi attimi col volto dei passi fammi passatempo e sole fronda e pomeriggio con sentimenti estivi parlami di te e degli occhi abituati al mattino sospesa come l’alba a mimare al mare le onde … Continua a leggere perché farai di me poesia