quando il mondo è il modo dell’erba

il sorreggersi incondizionato dei vecchi
è un destino di pietra, una finestra sul nulla
arroccata di tempo

ostie dal profilo mediocre
sono storie di vento
che a ogni primavera sporgono di rami

hanno le mani sottili di pioggia
gli occhi sopravento
capelli e teli alla maniera dei mobili

di giorno stringono sedie in controluce
-oltre il giardino le corse sono ferme-
a volte i corpi trattengono il sole
per farne sale

e quando il buio muove solitudini
mimano i gesti incolumi del vuoto
con resti di medicine
per farne sonno e inquietudine

/ai solchi del volto poche chiese
accudiscono anime
quando il mondo -che chiamano vita-
è il modo dell’erba :

Beppe ha ricorrenze in salita
sentieri in cui l’impronta
è la solitudine della voce

Caterina appende foto
come un’ombra in semina
e miete zolle tra comodini di polvere

Annunci

15 pensieri su “quando il mondo è il modo dell’erba

  1. Molto intensa, parla per immagini in apparenza non connesse al contesto, ma assai efficaci per descriverle, della solitudine della vecchiaia, dell’asprezza dell’ultimo tratto di cammino e della giovinezza inesausta dell’anime. Bella lirica!

    Mi piace

    1. hai colto un aspetto (l’anima) che è una figura fondamentale in questi versi : l’abbandono non solo fisico ma forse quello più doloroso. Grazie Silvia

      Mi piace

  2. la vita si dimena costantemente, fino al mancare delle forze. Il modo dell’erba è quell’essere inermi ed esposti, eppure rigogliosi e splendenti, un tempo.

    Mia libera interpretazione Rosario,
    un caro saluto

    Mi piace

  3. trovo davvero molto bello l’uso delle metafore nel tuo forbito poetare. Specchi di quotidianità e inquietudine fanno da sfondo a cartoline di vita raccolte nelle ceste della memoria, in un susseguirsi di stati d’animo arresi alle volubilità del tempo.

    Bravissimo!!

    Mi piace

  4. Mi sento stupida, non ho affettato il concetto, non trovo in me la chiave di lettura. Gradevole lo scritto ma mi spieghi?
    notte serena

    Mi piace

    1. Ciao Miriam grazie del passaggio, non pensavo dovessi spiegare ma lo faccio con piacere. Parlo dei vecchi e del tempo : dell’orologio appeso al corpo che inesorabilmente raccoglie ore e ne fa ricordi. Una coppia di anziani che stancamente continua a raccontarsi nei piccoli gesti quotidiani, che vede il destino assomigliare agli arredi della piccola casa e conta insieme al buio il rintocco dei passi che furono. Ciao

      Liked by 1 persona

      1. Grazie, detta così, è bella e non così negativa come avevo interpretato. E’ lontano dal mio pensiero, che reputo gli anni che passano, il consolidamento di forza carattere e arte di invecchiare, sopratutto se si ha la fortuna di vivere la vecchiaia in compagnia condividendo anche l’incedere dei malanni,
        Un destino di pietra, corpi per farne sale… era la mia una chiave di lettura tetra, che non capivo.
        Scusa la sincerità, i versi comunque come ti scrissi sono gradevoli.
        Notte

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...