con versioni in differenza d’acqua

ho coordinate sparse, due parole da comodino e le finestre con quel verso di mondo a taglie miste e ancora partenze e sentenze giornaliere colori fermati da qualche tasto di mani per scandire note in similitudine e ricordi per ogni verso, in ogni lacrima di foto a vivere ora col verso della pioggia definisco arrivo … Continua a leggere con versioni in differenza d’acqua

Annunci

ora che gli occhi trasportano gocce

sono quello che sono e vesto i miei anni di giorni che afferro al tempo ho solo sogni, quattro lire di vento lungo la strada di fronte ho in mente i ricordi gli attimi presi nei vicoli c’è la Chiesa Madre vicino alla fontana l‘arco che disegna la storia e scorro insieme alle pietre tra … Continua a leggere ora che gli occhi trasportano gocce

direzioni e dimenticanze d’asfalto

mi sarebbe piaciuto non morire per volare in altezza e sentirmi Dio ma le porte fanno il loro mestiere interrompono con agilità luoghi, angoli, strade margini che mi hanno affidato e dove mi occupo del futuro come fosse arrivo a volte immagino il cammino della pioggia muoversi con gocce di genio o i controsensi delle … Continua a leggere direzioni e dimenticanze d’asfalto

col rumore dei jeans che non capirono

Laura era scesa di buon mattino il sorriso stampato sul casco la moto appena dietro la patente nuova dal balcone i fiori tentavano il ritmo del tempo col sentimento del vento anche l’aria era convinta del sole solo una nuvola sosteneva il grigio del cielo era bella Laura, di quella bellezza che non ti accorgi, … Continua a leggere col rumore dei jeans che non capirono

le tessiture inconsuete dei fulmini

ah, se di fronte al cielo riuscissi a sapere dell’aria e non soltanto di strade! del sole ho l’imperfezione dei canneti l’ostinato calore delle forme addosso alle pietre una qualche impresa di semaforo e non mi sono dimora le direzioni, redatte in vie di terza mano sfuggono, tra i salti dell’erba accennate e distanti a … Continua a leggere le tessiture inconsuete dei fulmini